Letizia Salamone

Laureatasi con il massimo dei voti in Scienze dell’Infanzia presso la Facoltà di Scienze della Formazione di Firenze, Letizia ha completato i suoi studi con una tesi sperimentale finalizzata all’esplorazione dell’ampio universo del “Progetto Miró”, un progetto di ricerca-azione, realizzato in nidi e scuole dell’infanzia toscane ed internazionali, che aveva l’obiettivo di sensibilizzare i bambini al mondo dell’arte, di incentivare la loro libera espressione e la loro innata creatività, e che soprattutto si proponeva di educare le nuove generazioni al bello e alla gioia di vivere, concetti di una visione positiva della vita che per Letizia costituiscono un imperativo pedagogico. Durante la sua brillante carriera universitaria vince la Borsa di Studio “Erasmus” che le permette di approfondire le sue conoscenze frequentando la facoltà di “Ciencia de la educación infantil” presso l’Università di Siviglia, una realtà universitaria dove molto spazio è concesso al lavoro in gruppo e all’esperienza concreta sul campo. In Spagna ha infatti avuto modo di ampliare le sue competenze tecnico-organizzative legate alla programmazione e realizzazione di attività per bambini, in merito all’espressione corporale, all’animazione teatrale e alla lettura animata. Tra il 2012 e il 2013 svolge attività di tirocinio presso il Nido d’Infanzia “Piccino Picciò” di Vinci. Tra il 2014 e il 2015, motivata a sviluppare le sue competenze tecnico-didattiche e metodologiche, Letizia intraprende il percorso annuale di Servizio Civile presso il Nido Comunale di Capannori “Il grillo parlante”, dove ha la possibilità di maturare notevolmente la sua professionalità educativa, frequentando contemporaneamente anche corsi di formazione sull’educazione comico-relazionale, sull’educazione musicale e sulla letteratura per l’infanzia. Successivamente, oltre a ricoprire il ruolo di supplente presso il nido “La trottola” di Lamporecchio, dopo aver frequentato, nell’ambito della Federazione italiana Cemea, lo stage “Espressione corporea e gioco drammatico”, Letizia si iscrive a Ludea, la Libera Università dell’Educazione Attiva, con lo scopo di crescere e qualificarsi ulteriormente, per diventare esperta in metodologie e tecniche dell’educazione attiva. Nell’estate del 2015 Letizia entra a far parte, come responsabile di casetta, dello Staff Stagionale di Dynamo Camp, unico centro nazionale di Terapia Ricreativa che accoglie gratuitamente bambini e ragazzi affetti da patologie gravi e croniche. In questa “oasi”, in un clima che garantisce la sicurezza e le cure necessarie, attraverso un avvincente programma, i campers ritrovano e acquisiscono fiducia in loro stessi, autostima e coraggio, vivendo una vacanza sorprendente all’insegna del divertimento, di avventure entusiasmanti e di piccole grandi emozioni da condividere insieme, riscoprendo così la loro infanzia. Durante l’anno educativo 2015/2016, avendo superato egregiamente un concorso per insegnanti comunali di nido e sistemi integrativi per l’infanzia nel Comune di Ferrara, Letizia svolge il suo lavoro di educatrice nella cornice di questa splendida città d’arte emiliana dove si è potuta confrontare con una nuova, diversa, realtà pedagogica, educativa e sociale. Qui ha avuto l’opportunità di conoscere professionisti nell’ambito della Comunicazione Aumentativa Alternativa (CAA) e di frequentare inoltre corsi e seminari su delicate tematiche quali la promozione delle pari opportunità e la valorizzazione delle differenze nei nidi e nelle scuole, la sicurezza, la disabilità e la garanzia di protezione di tutti. L’incontro con “Buonalaprima” avviene nel 2010, grazie ad un corso per animatori ludici e al corso di recitazione tenuto da Eleonora Franchi. Da allora, grazie al suo spiccato carisma e alla sua solarità, alle tecniche espressive e alle competenze comunicative acquisite attraverso la recitazione, Letizia, nei panni di “Tartamilla”, è anche una brillante animatrice, energica e coinvolgente, ma anche dolce, premurosa ed attenta ai bisogni e alle esigenze dei bambini. Inizia così una proficua collaborazione che porta Letizia a maturare una lunga esperienza sul campo animando numerose feste di compleanno ed eventi pubblici dedicati ai piccoli, dedicandosi alla formazione di nuove aspiranti animatrici e prendendo parte, in veste di attrice protagonista, a numerosi spettacoli teatrali, avvicinandosi anche alla conduzione di eventi musicali tra cui le selezioni e i Quarti di Finale della 56° Edizione del Festival di Castrocaro organizzati da Buonalaprima in collaborazione con la Mucci Production. Ha inoltre partecipato in qualità di attrice a numerosi spettacoli teatrali e condotto vari eventi (tra cui le selezioni e i Quarti di Finale della 56° Edizione del Festival di Castrocaro organizzati da “Buonalaprima”). Inoltre, tra il 2015 e il 2016, Letizia dà vita a “LibrIncanto”, un progetto di lettura animata che si propone di avvicinare le famiglie all’affascinante mondo della lettura e della letteratura per l’infanzia, sensibilizzandole sui benefici che la relazione con i libri procura ai piccoli e trasportando i bambini tra le pagine di preziosi albi illustrati, attraverso la creazione di un’accogliente ed accattivante atmosfera giocosa. Ciò in cui Letizia crede fermamente è che la Passione e l’Amore nei confronti del proprio lavoro siano il più potente motore del proprio percorso di crescita, un percorso che si alimenta anche di scontri, di confronti, di scambi ed incontri, di molteplici ed uniche relazioni, un percorso che richiede un instancabile ed avvincente mettersi e ri-mettersi in gioco, e che diventa davvero gratificante quando ti fa vivere il più bel viaggio, quello dentro di te.

Credits by BUONALAPRIMA S.R.L. - P.IVA: 01841110479 - C.F.01841110479 - testi e foto by BUONALAPRIMA S.R.L.